FARMACI

Speciali

I più venduti

Sconti! KETOORO*orale grat 24 bust 40 mg Visualizza ingrandito

KETOORO*orale grat 24 bust 40 mg

044365029

Nuovo

KETOORO*orale grat 24 bust 40 mg

Maggiori dettagli

11 Articoli

7,30 €

Dettagli

DENOMINAZIONE:
KETOORO 40 MG GRANULATO
CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:
Farmaci antinfiammatori/antireumatici, non steroidei; derivati dell'ac ido propionico.
PRINCIPI ATTIVI:
Una bustina contiene: ketoprofene sale di lisina 40 mg (corrispondente a 25 mg di ketoprofene).
ECCIPIENTI:
Mannitolo, xilitolo, aroma lime, aroma limone, aroma frescofort, aspar tame , talco, copolimero di metacrilato
butilato basico, magnesio stea rato, silice colloidale idrata, ipromellosa, acido stearico, povidone, sodio laurilsolfato.
INDICAZIONI:
Trattamento sintomatico del dolore acuto di grado lieve e moderato.
CONTROINDICAZIONI/EFF.SECONDAR:
Il farmaco non deve essere somministrato nei seguenti casi: ipersensib ilita' al principio attivo, ad altri farmaci
antiinfiammatori non ster oidei (FANS) o ad uno qualsiasi degli eccipienti; pazienti con anamnes i positiva per
reazioni di ipersensibilita', quali broncospasmo, attac chi d'asma, rinite acuta, polipi nasali, orticaria, edema
angioneuroti co o altre reazioni di tipo allergico a ketoprofene o a sostanze con a nalogo meccanismo d'azione [per
esempio acido acetilsalicilico (ASA) o ad altri farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS)].
In questi paz ienti sono state segnalate reazioni anafilattiche gravi, raramente fat ali; ulcera peptica/emorragia
attiva, o precedenti anamnestici di emor ragia gastrointestinale, ulcerazione o perforazione (due o piu' episod i
distinti, comprovati di sanguinamento o ulcerazione) o dispepsia cro nica; sanguinamento gastrointestinale o
perforazione gastrointestinale conseguenti a precedente terapia con FANS o altri sanguinamenti attivi o disturbi
emorragici; insufficienza cardiaca grave; insufficienza e patica grave; insufficienza renale grave; diatesi emorragica
ed altri disturbi della coagulazione, o pazienti soggetti a terapia anticoagula nte; pazienti sottoposti ad importanti
interventi chirurgici; terzo tr imestre di gravidanza e allattamento; bambini e adolescenti di eta' in feriore ai 15 anni.
POSOLOGIA:
Posologia.
Adulti e adolescenti sopra i 15 anni: 1 bustina, in dose si ngola, o ripetuta 2-3 volte al giorno, nelle forme dolorose di
maggior e intensita'.
La durata della terapia deve essere limitata al superame nto dell'episodio doloroso.
Popolazioni speciali.
Anziani: i pazienti anziani devono attenersi ai dosaggi minimi sopraindicati.
Pazienti con compromissione renale lieve o moderata: si consiglia di monitorare il volume di diuresi e la
funzionalita' renale.
Pazienti con insufficien za epatica lieve o moderata: devono essere seguiti attentamente e trat tati con la dose
giornaliera minima efficace.
Il farmaco non deve esse re utilizzato in pazienti con severe disfunzioni epatiche e renali.
Po polazione pediatrica.
Il farmaco e' controindicato nei bambini e negli adolescenti di eta' inferiore ai 15 anni.
Modo di somministrazione.
I l contenuto della bustina puo' essere posto direttamente sulla lingua.
Si dissolve con la saliva: questo ne consente l'impiego senza acqua.
E' preferibile assumere il medicinale a stomaco pieno.
CONSERVAZIONE:
Questo medicinale non richiede alcuna particolare precauzione per la c onservazione.
AVVERTENZE:
Somministrare con cautela nei pazienti con manifestazioni allergiche o allergia pregressa.
Il trattamento con ketoprofene sale di lisina dev e essere interrotto alla prima comparsa di rash cutaneo, lesioni
della mucosa o qualsiasi altro segno di ipersensibilita'.
Gli effetti indes iderati possono essere minimizzati con l'uso della piu' bassa dose eff icace per la piu' breve durata

possibile di trattamento che occorre pe r controllare i sintomi (vedere paragrafo 4.2 e i paragrafi sottostant i sui rischi
gastrointestinali e cardiovascolari).
L'uso concomitante del farmaco con altri FANS, inclusi gli inibitori selettivi della cicl oossigenasi-2, deve essere
evitato.
Anziani: i pazienti anziani hanno una frequenza aumentata di reazioni avverse ai FANS, specialmente emor ragie e
perforazioni gastrointestinali, che possono essere fatali.
Com e per gli altri FANS, in presenza di un'infezione, bisogna tenere in c onsiderazione che le proprieta'
antinfiammatorie, analgesiche ed antip iretiche del ketoprofene possono mascherare i sintomi comuni della pro
gressione dell'infezione come per esempio la febbre.
Effetti cardiovas colari e cerebrovascolari.
Un adeguato monitoraggio ed opportune istru zioni sono necessarie nei pazienti con anamnesi positiva per ipertensi
one e/o insufficienza cardiaca congestizia da lieve a moderata poiche' in associazione al trattamento con i FANS
sono stati riscontrati rite nzione di liquidi, ipertensione ed edema.
Studi clinici e dati epidemi ologici suggeriscono che l'uso di alcuni FANS (specialmente ad alti do saggi e per
trattamenti di lunga durata) puo' essere associato ad un m odesto aumento del rischio di eventi trombotici arteriosi
(per es.
inf arto del miocardio o ictus).
Non ci sono dati sufficienti per escluder e un rischio simile per ketoprofene sale di lisina quando esso e' somm
inistrato alla dose giornaliera di una bustina, in dose singola, o rip etuta 2-3 volte al giorno.
I pazienti con ipertensione non controllata , insufficienza cardiaca congestizia, cardiopatia ischemica accertata,
malattia arteriosa periferica e/o malattia cerebrovascolare devono es sere trattati con ketoprofene sale di lisina, cosi'
come con tutti i F ANS, soltanto dopo attenta valutazione.
Analoghe considerazioni devono essere effettuate prima di iniziare un trattamento di lunga durata in pazienti con
fattori di rischio per malattia cardiovascolare (es.
ipe rtensione, iperlipidemia, diabete mellito, fumo).
Effetti gastrointest inali.
Durante il trattamento con tutti i FANS, in qualsiasi momento, con o senza sintomi di preavviso o precedente storia di
gravi eventi g astrointestinali, sono state riportate emorragia gastrointestinale, ul cerazione e perforazione, che
possono essere fatali.
Alcune evidenze e pidemiologiche suggeriscono che il ketoprofene sale di lisina puo' ess ere associato ad un
elevato rischio di grave tossicita' gastrointestin ale, rispetto ad altri FANS, soprattutto ad alte dosi.
Negli anziani e in pazienti con storia di ulcera, soprattutto se complicata da emorra gia o perforazione, il rischio di
emorragia gastrointestinale, ulceraz ione o perforazione e' piu' alto con dosi aumentate di FANS.
Questi pa zienti devono iniziare il trattamento con la piu' bassa dose disponibi le.
L'uso concomitante di agenti protettori (misoprostolo o inibitori di pompa protonica) deve essere considerato per
questi pazienti e anch e per pazienti che assumono basse dosi di aspirina o altri farmaci che possono aumentare il
rischio di eventi gastrointestinali.
Pazienti co n storia di tossicita' gastrointestinale, in particolare anziani, devo no riferire qualsiasi sintomo
gastrointestinale inusuale (soprattutto emorragia gastrointestinale) in particolare nelle fasi iniziali del tr attamento.
Cautela deve essere prestata ai pazienti che assumono farma ci concomitanti che possono aumentare il rischio di
ulcerazione o emor ragia, come corticosteroidi orali, anticoagulanti come warfarin, inibi tori selettivi del reuptake
della serotonina o agenti antiaggreganti c ome l'aspirina.
Quando si verifica emorragia o ulcerazione gastrointes tinale in pazienti che assumono Ketoprofene sale di lisina il
trattame nto deve essere sospeso.
I FANS devono essere somministrati con cautel a nei pazienti con una storia di malattia gastrointestinale (colite ul
cerosa, morbo di Crohn) poiche' tali condizioni possono essere esacerb ate.
Effetti sulla cute.
Gravi reazioni cutanee alcune delle quali fat ali, includenti dermatite esfoliativa, sindrome di Stevens-Johnson e n
ecrolisi epidermica tossica, sono state riportate molto raramente in a ssociazione con l'uso dei FANS.
Nelle prime fasi della terapia i pazie nti sembrano essere a piu' alto rischio: l'insorgenza della reazione s i verifica
nella maggior parte dei casi entro il primo mese di trattam ento.
Ketoprofene sale di lisina deve essere interrotto alla prima com parsa di rash cutaneo, lesioni della mucosa o
qualsiasi altro segno di ipersensibilita'.
Effetti renali ed epatici.
Come per tutti i FANS, i l medicinale puo' aumentare l'azoto ureico plasmatico e la creatinina.
Come per altri inibitori della sintesi delle prostaglandine, ketoprof ene sale di lisina puo' essere associato ad eventi
avversi sul sistema renale che possono portare a nefrite glomerulare, necrosi papillare r enale, sindrome nefrosica
ed insufficienza renale acuta.

Si deve monit orare attentamente la funzione renale all'inizio del trattamento nei p azienti con insufficienza
cardiaca, con cirrosi e nefrosi, nei pazient i in terapia diuretica, con insufficienza renale cronica particolarmen te se
anziani.
In tali pazienti la somministrazione di ketoprofene sal e di lisina puo' causare una riduzione del flusso ematico
renale, caus ato dall'inibizione delle prostaglandine e portare ad alterazioni rena li.
Come per altri FANS, il medicinale puo' provocare piccoli incremen ti transitori in alcuni parametri epatici e anche
aumenti significativ i nelle SGOT e SGPT.
In caso di aumento rilevante di tali parametri, l a terapia deve essere interrotta.
Nei pazienti con funzionalita' epati ca compromessa o con precedenti patologie epatiche si devono valutare
regolarmente le transaminasi particolarmente durante terapie a lungo t ermine.
Con ketoprofene sale di lisina sono stati segnalati casi di it tero ed epatite.
INTERAZIONI:
Associazioni sconsigliate.
Altri FANS, (compresi gli inibitori seletti vi della ciclossigenasi-2), incluse alte dosi di salicilati (>= 3g/die ): la
somministrazione contemporanea di diversi FANS puo' aumentare i l rischio di ulcere e sanguinamento
gastrointestinali, per un effetto sinergico.
Anticoagulanti (ad esempio eparina e warfarin) e agenti ant iaggreganti (ad esempio ticlopidina e clopidogrel):
aumento del rischi o di sanguinamento per inibizione della funzionalita' piastrinica e da nno alla mucosa
gastrointestinale.
Se la somministrazione concomitante non puo' essere evitata, i pazienti devono essere attentamente monito rati.
Litio: rischio di aumentati livelli plasmatici di litio, che a v olte possono raggiungere livelli tossici per via di una
ridotta escrez ione renale di litio.
Dove necessario, i livelli plasmatici di litio d evono essere attentamente monitorati con eventuale aggiustamento del
d osaggio durante e dopo la terapia con FANS.
Metotrexato, usato ad alte dosi, (superiori a 15 mg/settimana): aumento del rischio di tossicita ' ematica del
metotrexato, particolarmente se somministrato ad alte do si (>15 mg/settimana), probabilmente dovuto a
spostamento del metotrex ato dal legame proteico e alla riduzione della sua clearance renale.
I dantoine e solfonammidi : gli effetti tossici di queste sostanze posso no essere aumentati.
Associazioni che richiedono precauzione - Cortico steroidi: aumento del rischio di ulcerazione gastrointestinale o
sangu inamento.
Diuretici: i pazienti che assumono diuretici, in particolare se disidratati, sono ad alto rischio di sviluppare
insufficienza rena le secondaria ad una riduzione del flusso ematico renale causata dall' inibizione delle
prostaglandine.
I pazienti devono essere adeguatament e idratati e deve essere preso in considerazione il monitoraggio della
funzione renale dopo l'inizio della terapia concomitante.
I FANS poss ono ridurre l'effetto dei diuretici.
L'uso concomitante di FANS e diur etici risparmiatori di potassio, oltre a una riduzione dell'effetto di uretico e
potenziale nefrotossicita', puo' comportare anche iperpotass iemia.
ACE-inibitori e antagonisti dell'angiotensina II: in alcuni paz ienti con funzione renale compromessa (per esempio
pazienti disidratat i o pazienti anziani con funzione renale compromessa) la co-somministr azione di un ACE
inibitore o di un antagonista dell'angiotensina II e di agenti che inibiscono il sistema della ciclossigenasi puo'
portare a un ulteriore deterioramento della funzione renale, con possibile ins orgenza di insufficienza renale acuta.
La combinazione deve essere per tanto somministrata con cautela, specialmente nei pazienti anziani.
I pazienti devono essere adeguatamente idratati e deve essere preso in c onsiderazione il monitoraggio della
funzione renale dopo l'inizio dell a terapia concomitante.
Metotrexato usato a basse dosi, inferiori a 15 mg/settimana: durante le prime settimane della terapia combinata
deve essere effettuato un esame emocromocitometrico ogni settimana.
In pre senza di un peggioramento anche lieve della funzionalita' renale o nei pazienti anziani, il monitoraggio deve
essere piu' frequente.
Pentoss ifillina: aumento del rischio di sanguinamento.
E' necessario aumentar e il monitoraggio clinico e controllare piu' frequentemente il tempo d i sanguinamento.
Zidovudina: rischio di aumento della tossicita' sulla linea cellulare rossa per azione sui reticolociti, con anemia
severa che si manifesta una settimana dopo l'inizio del trattamento con il FA NS.
Controllare l'esame emocitometrico completo ed il conteggio dei re ticolociti una o due settimane dopo avere
iniziato il trattamento con il FANS.
Tenofovir: la somministrazione concomitante di tenofovir diso proxil fumarato e FANS puo' aumentare il rischio di
insufficienza rena le.

Sulfaniluree: i FANS possono incrementare l'effetto ipoglicemico d elle sulfaniluree spiazzandole dai siti di legame
con le proteine plas matiche.
Associazioni che necessitano di essere prese in considerazion e: antipertensivi (beta-bloccanti, inibitori dell'enzima
di conversion e dell'angiotensina, diuretici): i FANS possono ridurre l'effetto dei farmaci antipertensivi, mediante
inibizione della sintesi delle prosta glandine.
Trombolitici: aumento del rischio di sanguinamento.
Probenec id la somministrazione concomitante di probenecid puo' notevolmente r idurre la clearance plasmatica
del ketoprofene e di conseguenza le con centrazioni plasmatiche di ketoprofene possono risultare aumentate; qu
esta interazione puo' essere dovuta ad un meccanismo inibitorio al sit o della secrezione tubulare renale e della
glucuronoconiugazione e ric hiede un adattamento della dose del ketoprofene.
Inibitori selettivi d ella ricaptazione della serotonina (SSRIs) e antidepressivi triciclici : aumento del rischio di
emorragia gastrointestinale e intracranica.
Ciclosporina, tacrolimus: rischio di effetti additivi nefrotossici, in particolare nei soggetti anziani.
Durante la terapia associata deve e ssere misurata la funzionalita' renale.
Antibiotici chinolonici: dati su animali indicano che i FANS possono aumentare il rischio di convuls ioni associati con
antibiotici chinolonici.
I pazienti che prendono FA NS e chinoloni possono avere un aumentato rischio di sviluppare convul sioni.
EFFETTI INDESIDERATI:
I pazienti devono essere informati circa la potenziale comparsa di son nolenza, capogiri o convulsioni e devono
evitare di guidare o di svolg ere attivita' che richiedano particolare vigilanza in caso di presenza di tali sintomi.
Gli eventi avversi piu' comunemente osservati sono d i natura gastrointestinale.
Possono verificarsi ulcere peptiche, perfo razione o emorragia gastrointestinale, a volte fatale, in particolare negli
anziani.
La frequenza e l'entita' di tali effetti risultano rido tte assumendo il medicinale a stomaco pieno.
Le manifestazioni di iper sensibilita' possono assumere il carattere di reazioni sistemiche seve re (edema della
laringe, edema della glottide, dispnea, palpitazione) sino allo shock anafilattico.
In questi casi si rende necessaria un'as sistenza medica immediata.
Le seguenti reazioni avverse sono state oss ervate in seguito alla somministrazione di ketoprofene sale di lisina
negli adulti.
La frequenza degli eventi avversi e' classificata come s egue: molto comune (>=1/10); comune (>=1/100, <1/10); non
comune (>=1/ 1000, <1/100); rara (>=1/10.000, <1/1000); molto rara (<1/10.000); non nota (la frequenza non puo'
essere
definita sulla base dei dati dispo nibili).
Infezioni ed infestazioni.
Non nota: meningite asettica, linf angite.
Patologie del sistema emolinfopoietico.
Raro: anemia emorragic a; non nota: agranulocitosi, trombocitopenia, aplasia midollare, anemi a emolitica,
leucopenia, neutropenia, anemia aplastica, leucocitosi, p orpora trombocitopenica.
Disturbi del sistema immunitario.
Non nota: r eazioni anafilattiche (incluso shock), ipersensibilita'.
Disturbi psic hiatrici.
Non nota: depressione, allucinazioni, alterazione dell'umore , eccitabilita', insonnia.
Patologie del sistema nervoso.
Non comune: cefalea, capogiri, sonnolenza; raro: parestesia; non nota: sincope, co nvulsioni, disgeusia, tremore,
ipercinesia, discinesia, vertigini.
Pat ologie dell'occhio.
Raro: visione offuscata; non nota: edema periorbit ale.
Disturbi dell'orecchio e del labirinto.
Raro: tinnito.
Patologie cardiache.
Non nota: insufficienza cardiaca, palpitazioni, tachicardia .
Patologie vascolari.
Non nota: ipotensione, ipertensione, vasodilata zione, vasculite.
Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche.
R aro: asma; non nota: edema della laringe, broncospasmo (soprattutto ne i pazienti con ipersensibilita' nota
all'acido acetilsalicilico e ad a ltri FANS), rinite, dispnea, laringospasmo, insufficienza respiratoria acuta.
Patologie gastrointestinali.
Comune: nausea, vomito, dispepsia , dolore addominale; non comune: costipazione, diarrea, flatulenza, ga strite;
raro: stomatiti ulcerative, ulcera peptica; non nota: esacerba zione di colite e morbo di Crohn, emorragia
gastrointestinale e perfor azione, ulcera gastrica, ulcera duodenale, pancreatite, melena, ematem esi, dolore
gastrico, gastrite erosiva, edema della lingua.
Patologie epatobiliari.
Raro: epatite, aumento dei livelli sierici delle transam inasi, elevati livelli di bilirubina sierica dovuti ai disordini
epati ci, ittero.
Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo.
Non comun e: eruzione cutanea, prurito; non nota: fotosensibilizzazione, alopeci a, orticaria, angioedema, eruzioni
bollose, includenti sindrome di Ste vens-Johnson, sindrome di Lyell e necrolisi tossica epidermica, eritem a,
esantema, esantema maculo-papulare, porpora, dermatite.
Patologie r enali e urinarie.
Non nota: ritenzione idrica, ematuria, insufficienza renale acuta, nefrite tubulo-interstiziale, sindrome nefritica, nefri
te glomerulare, necrosi tubulare acuta, necrosi papillare renale, sind rome nefrosica, oliguria, anormalita' nei test
della funzione renale, disuria.
Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di sommi nistrazione.
Non comune: edema, affaticamento; non nota: brividi, aste nia, edema del volto, edema periferico.
Esami diagnostici.
Raro: aumen to del peso.
Segnalazione delle reazioni avverse sospette.
La segnalaz ione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizz azione del medicinale e'
importante, in quanto permette un monitoraggi o continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale.
Agli operato ri sanitari e' richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospe tta tramite il sistema nazionale di
segnalazione all'indirizzo http:// www.agenziafarmaco.gov.it/content/come-segnalare-una-sosp etta-reazio neavversa.
GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO:
Gravidanza.
L'inibizione della sintesi di prostaglandine puo' interess are negativamente la gravidanza e/o lo sviluppo
embrio/fetale.
Risulta ti di studi epidemiologici suggeriscono un aumentato rischio di aborto e di malformazione cardiaca e di
gastroschisi dopo l'uso di un inibit ore della sintesi delle prostaglandine nelle prime fasi della gravidan za.
Il rischio assoluto di malformazioni cardiache aumentava da meno d ell'1%, fino a circa l'1,5%.
E' stato ritenuto che il rischio aumenta con la dose e la durata della terapia.
Negli animali, la somministrazi one di inibitori della sintesi di prostaglandine ha mostrato di provoc are un aumento
della perdita di pre- e post-impianto, di mortalita' em brione-fetale e un aumento di incidenza di varie
malformazioni, inclus a quella cardiovascolare.
Pertanto il ketoprofene non deve essere somm inistrato durante il primo e il secondo trimestre di gravidanza, se no n
strettamente necessario.
Se il ketoprofene e' usato in donne che des iderano una gravidanza o durante il primo e secondo trimestre di gravi
danza, la dose e la durata del trattamento devono essere mantenute le piu' basse possibili.
Durante il terzo trimestre di gravidanza, tutti gli inibitori della sintesi di prostaglandine possono esporre il feto a:
tossicita' cardiopolmonare (con chiusura prematura del dotto arteri oso e ipertensione polmonare); disfunzione
renale, che puo' progredire in insufficienza renale con oligo-idroamnios; la madre e il neonato, alla fine della
gravidanza, a: possibile prolungamento del tempo di sa nguinamento, ed effetto antiaggregante che puo' occorrere
anche a dosi molto basse; inibizione delle contrazioni uterine risultanti in ritar do o prolungamento del travaglio.
KETOORO e' pertanto controindicato d urante il terzo trimestre di gravidanza.
Allattamento Poiche' non sono disponibili dati sulla secrezione di ketoprofene sale di lisina nel l atte materno, il
ketoprofene non deve essere somministrato durante l'a llattamento.
Fertilita'.
L'uso di ketoprofene sale di lisina, come di qualsiasi farmaco inibitore della sintesi delle prostaglandine e della
ciclossigenasi e' sconsigliato nelle donne che intendano iniziare una gravidanza.
La somministrazione di ketoprofene sale di lisina deve es sere sospesa nelle donne che hanno problemi di fertilita' o
che sono s ottoposte a indagini sulla fertilita'.
Winfarm

Recensioni

No customer comments for the moment.

Scrivi una recensione

KETOORO*orale grat 24 bust 40 mg

KETOORO*orale grat 24 bust 40 mg

KETOORO*orale grat 24 bust 40 mg

Scrivi una recensione